top of page

Dismenorrea e assenza mestruale, anche le studentesse del Lazio si uniscono alla protesta


Dismenorrea e assenza mestruale a scuola
Dismenorrea e assenza mestruale a scuola

A seguito della concessione da parte del Liceo Artistico Nervi-Severini di Ravenna a favore delle studentesse che soffrono di dolori legati al ciclo mestruale, molte studentesse del liceo della Regione Lazio hanno avanzato una simile proposta alle proprie scuole, oltre che alla stessa Regione Lazio. In particolare, le studentesse laziali vorrebbero vedere riconosciuto il disagio che molte di loro patiscono per via delle mestruazioni che, in molti casi, si rivelano particolarmente dolorose. E' questo il fenomeno della dismenorrea, ossia un forte dolore addominale proprio causato dal ciclo mestruale e che si manifesta in diversi modi nelle giovani ragazze adolescenti in piena pubertà. Come anche indicato dallo stesso Liceo Artistico Nervi-Severini, primo in Italia a riconoscere questa patologia per le assenze giustificate, la dismenorrea non colpisce indiscriminatamente tutte le ragazze. Il ciclo mestruale produce effetti diversi su ciascuna ragazza in pubertà e occorre quindi tenere conto delle varie differenze che esistono tra le studentesse del liceo, al fine di accedere alla possibilità di rimanere a casa da scuola per via del ciclo mestruale. In altri termini, non è semplicemente necessario essere ragazza ed avere le mestruazioni per potere giustificare la propria assenza da scuola; deve infatti esserci un valido certificato medico che effettivamente stabilisca la presenza di dismenorrea, ossia di una situazione di dolore che impedisce alla studentessa di recarsi a scuola normalmente.


Dismenorrea e assenza mestruale a scuola
Dismenorrea e assenza mestruale a scuola

La tematica in questione ha sollevato una serie di discussioni nell'ambito politico e della società civile più estesa. In effetti, ci si chiede se la dismenorrea possa essere invocata anche dalle donne lavoratrici per assentarsi dal lavoro e se la stessa debba effettivamente essere riconosciuta come una patologia vera e propria. Allo stato attuale, le mestruazioni ed il ciclo mestruale sono un vero e proprio taboo a livello sociale. Molte studentesse del liceo si vergognano a parlarne apertamente e non vogliono esporsi più di tanto, proprio per via di questa cappa di omertà che la società impone al fenomeno perfettamente naturale delle mestruazioni. Più che la validità della giustificazione per l'assenza dalla scuola in sè e per sè, il dibattito sembra quindi utile perché potrebbe portare ad infrangere un taboo che, nei giorni moderni, deve assolutamente essere superato.


Dismenorrea e assenza mestruale a scuola
Dismenorrea e assenza mestruale a scuola

Ovvio che anche gli studenti del liceo di sesso maschile dovrebbero essere educati sul tema delle mestruazioni e della sessualità femminile. Spesso e volentieri tutto quello che attiene alla sessualità femminile rimane avvolto da un mistero vero e proprio, che viene dipanato solamente grazie all'ausilio dei siti pornografici. Tra i giovani maschi del liceo i siti di porno milf sono quelli che vanno per la maggiore e quindi non sono pienamente consapevoli dei cambiamenti e delle evoluzioni sessuali che interessano le proprie compagne di banco. Conoscere la sessualità femminile guardando una pornostar milf che fa sesso con un ragazzo più giovane non può certo dirsi una vera e propria lezione di educazione sessuale, perché ovviamente esistono delle differenze significative tra le donne mature e quelle giovani. Al giorno d'oggi purtroppo gli studenti del liceo di sesso maschile sono più esperti della sessualità delle donne mature, piuttosto che di quella delle proprie coetanee. Se si guarda una milf tettona che fa sesso in un video porno milf, è chiaro che l'effetto non può che essere quello di avere una visione distorta della sessualità femminile, che potrebbe magari anche sfociare in comportamenti violenti. In sintesi, allo stato attuale tutta la sessualità femminile ruota attorno alla matura milf che i nostri ragazzi del liceo guardano su internet; sarà ora di fare qualcosa per educare i giovani alla sessualità?



2 visualizzazioni0 commenti
bottom of page